Castellinaldo ha il suo santo: lo meritiamo?

Categories: news

Michael.6In occasione della Commemorazione dei Fedeli defunti, Padre Domenico Marsaglia, o.p. ha presieduto la Celebrazione Euristica presso il cimitero di Castellinaldo. L’omelia che riportiamo attinge alla provocazione suscitata da un articolo di Tiziano Gaia su “Il paese”, bimestrale popolare culturale d’ informazione del settembre 2002.

È sorprendente constatare quanta diffusione ha avuto nel mondo (dobbiamo proprio dire: “nel mondo”) la notorietà di fratel Luigi e la devozione verso di lui. Per molte donne e uomini, di ogni condizione sociale, è diventato una persona cara, una persona di casa, una presenza importante… In questi anni di attesa del riconoscimento ufficiale della sua santità da parte della Chiesa è emerso chiaramente che fratel Luigi è stato davvero un personaggio straordinario: le testimonianze commoventi e commosse di tanta gente, soprattutto la più povera e sfortunata, lo hanno dimostrato ampiamente. Per loro Fratel Luigi era ed è già santo, e a ragione…

Ma noi, dico noi di Castellinaldo, più o meno giovani, più o meno partecipi delle vicende collettive, più o meno cristiani, abbiamo preso coscienza di ciò che fratel Luigi ha fatto, o meglio di ciò che fratel Luigi è stato? E quando il prossimo 2 maggio 2015 sarà il momento di venerarlo tra i Beati di Dio, sapremo ciò che vuol dire? In altre parole, ce lo saremo meritati?

A voler fare un po’ il provocatore, insinuo che tra le varie prove per accertare la santità di un candidato agli altari ci vuole anche la verifica della santità della sua terra, del suo paese, della sua gente. Allora non bisognerebbe dare così per scontato che avremo presto un Santo: perché avere un Santo in casa non è come avere una strada nuova asfaltata, una piazza ben illuminata, un servizio in più nel paese: e non è neanche come avere una nuova attrazione turistica. E’ ben altro, è ben di più. E’ qualcosa che deve arrivare fino al nostro cuore e farlo cambiare, addolcendolo.

Un Santo alla porta accanto è un regalo meraviglioso, ma è una responsabilità enorme: possono esserci, nel paese che ha dato i natali ad un Eletto, l’incomprensione e l’invidia? Può esserci spazio ancora per le maldicenze, per i piccoli gretti meschini traffici di paese, di ogni paese del mondo? E la violenza poi, anche quella solamente verbale, sussurrata di nascosto, o solo pensata, ha ancor ragione d’essere?

Lo scenario adesso cambia, cari miei compaesani: perché adesso siamo un po’ come dei “sorvegliati speciali”, e chi ha visto fare grandi miracoli da fratel Luigi adesso si aspetta che noi compiamo il piccolo grande miracolo quotidiano della convivenza serena, dell’amore per il nostro prossimo, della cortesia lungo la strada, della parola amabile e gentile che allenta la tensione. Dobbiamo meritare fino in fondo l’essere compaesani di fratel Luigi. Possiamo farcela perché il terreno è buono, se vi è già germogliato un Santo. Possiamo farcela perché Castellinaldo è già oggi un paese in cui si vive bene, in cui l’armonia esiste ed è genuina. Esempi di altruismo e generosità, a livello corale e personale, se ne potrebbero contare a bizzeffe solo negli ultimi tempi. Un buon punto di partenza dunque.

Ma ora facciamo il passo successivo: la santità di fratel Luigi trovi riflesso nella santità della sua terra, trovi riflesso in noi! Molti pellegrini sono già venuti a Castellinaldo per visitare e pregare nei luoghi dove egli è nato, cresciuto e si è fatto Santo, negli anni della sua infanzia e giovinezza. Altri, certamente, e tanti verranno ancora… Se ci mettiamo a lavorare sodo faremo in fretta a crescere e a diventare anche noi un pochino più santi e a non stonare troppo accanto alla santità di fratel Luigi. In attesa della festosa giornata del 2 maggio 2015 tutti insieme impegniamoci a questo “passa parola”: “Castellinaldo ha un Santo: dobbiamo meritarcelo!”; passiamo parola gli uni agli altri e dimostriamo con i fatti che: “Castellinaldo ha un Santo: dobbiamo meritarcelo”.

(omelia al cimitero di Castellinaldo, 1 novembre 2014, solennità di Tutti i Santi)

Lascia un Commento